Gianluca Moretto

CEO
Beneficy

Gianluca Moretto, ingegnere informatico, è un manager e imprenditore torinese. Ha maturato svariate esperienze internazionali in alcune tra le più importanti multinazionali del settore IT e delle Telecomunicazioni, in Europa e negli USA, prima di assumere in Italia l’incarico di Chief Information Officer in uno dei più importanti enti di previdenza italiani, carica che ha ricoperto per dieci anni prima di dedicarsi alla consulenza nel campo della digital transformation e alla creazione di startup innovative. Nel 2017 ha fondato Beneficy, startup nella quale ha unito la passione per l’innovazione tecnologica con l’esperienza maturata nel welfare e nel mondo dei grandi broker assicurativi della City londinese.

Oltre al tanto tempo investito nel suo lavoro, Gianluca Moretto è stato impegnato anche in molte altre importanti esperienze professionali. E’ membro dell’Advisory Board del Master in IT Governance della School of Management dell’Università di Torino ed è stato fra i fondatori di itSMF Italia, il forum internazionale per la diffusione e lo sviluppo delle best practice dell’IT management. Inoltre, come Ufficiale superiore del Corpo Ingegneri dell’Esercito, appartenente alla Riserva Selezionata, ha prestato servizio presso lo Stato Maggiore dell’Esercito, dove ha partecipato allo sviluppo del progetto Forza NEC (Net-Centric Warfare) e ha preso parte, come esperto di sistemi di Comando, Controllo e Intelligence, a due missioni ISAF in Afghanistan e alla missione Inherent Resolve – Prima Parthica nel Kurdistan Irakeno. 

E’ stato insignito dal Presidente Napolitano della croce di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, della medaglia NATO “Non Article 5” , della Croce per la partecipazione alla missione italiana in Afghanistan, nonché della Croce per la partecipazione alla missione italiana in Iraq.

08 Nov, 12:30
→ 14:00

Round Table

Dove sta andando il mondo del lavoro?

Round Table -
08 Nov, 12:30 → 14:00

Le tecnologie emergenti e i nuovi stili di vita stanno ridefinendo gli equilibri del mercato e del mondo del lavoro. La robotica e l’intelligenza artificiale sono una grandissima opportunità solo se siamo in grado di elevare l’uomo al centro di ogni contesto.

Come devono affrontare le aziende tale shift ridefinendo il rapporto con le persone e i processi per attrarre e mantenere talenti?